RITORNO AL PASSATO, ANDANDO PER BORGHI 14/17 ottobre

Pacchetto modulabile tra long e short weekend (14-17 ottobre o 15-17 ottobre), abbinabile ad una o più cene evento de Il calice racconta

Una visita per borghi tra le vallate a cavallo della provincia di Pesaro e Ancona.

Una passeggiata tra storia e sapori con le cene evento de Il calice Racconta

Scrivici all'indirizzo: info@ilcaliceracconta.com

Programma

giovedì 14 ottobre

Per chi sceglie il soggiorno del lungo week end, proponiamo una cena nel ristorante
LA BALDIGARA  – dettagli cena: https://ilcaliceracconta.com/evento/la-baldigara/

La cena con gli abbinamenti prevede un OMAGGIO di alcune bottiglie degustate durante la serata, per chi proviene da fuori regione è previsto, da parte della Regione Marche

 

 Venerdì 15 ottobre

Giornata libera con possibilità di visita guidata a Senigallia (minimo 8/10 partecipanti).

In serata, una cena speciale in cui degustare i sapori del territorio vi attende presso il ristorante:

LA TAVERNA DEGLI ARCHI – dettagli cena: https://ilcaliceracconta.com/evento/la-taverna-degli-archi/

La cena con gli abbinamenti prevede un OMAGGIO di alcune bottiglie degustate durante la serata, per chi proviene da fuori regione è previsto, da parte della Regione Marche.

 

Per chi avesse scelto il lungo week end con la cena inclusa del giovedì, è possibile partecipare ad entrambi gli eventi o scegliere una sola serata.

 

Sabato 16 ottobre

Giornata dedicata ad un tour in libertà intenso e ricco di storia e tradizione, attraverso antichi castelli e borghi tra i più caratteristici ed autentici delle Marche e riscoprendo antichi sapori.

Il tour inizia dalla visita di un particolare e raro esempio di edilizia “povera”, spesso utilizzata nelle terre marchigiane. La casa risale agli anni 1905/1910 costruita da un contadino, con blocchi di terra e di paglia chiamati “i maltoni”, materiale povero ma resistente che ha mantenuto questa costruzione quasi integra nel suo stato originario.

In questa zona agli amanti del buon vino consiglieremo delle aziende locali nella nostra guida elettronica.

Degustare e/o acquistare un verdicchio equilibrato e pieno, proveniente solo da “vecchie vigne”, oppure vino rosso, ma anche un vino fresco e leggero, ottenuto con uvaggio di Montepulciano e Sangiovese, tante le proposte locali. Questa zona, famosa per il famoso Verdicchio Classico dei Castelli di Jesi, offre ogni opportunità di degustare e conoscere i sapori e gli odori dei prodotti delle nostre campagne.

In questo terreno di vini, una sosta merita BARBARA, tra i fiumi Misa e Nevola, arroccata in una dorsale panoramica. Il Castello, circondato da una cinta muraria esagonale, è sempre stato conteso grazie alla sua posizione strategica. Guelfi e Ghibellini prima, grandi famiglie come i Malatesta e Della Rovere poi, vi faranno ripercorrere in questo borgo un percorso storico intenso.

Si prosegue per OSTRA VETERE, uno dei più caratteristici borghi marchigiani, i quali nel Medioevo prendeva il nome di Montenovo. Tanta storia da rivivere tra i vicoli ed i magnifici scorci, ma la zona più antica si scopre nell’area archeologica “Le Muracce”. Il centro storico è ben visibile dalle colline circostanti grazie al campanile di Santa Maria della Piazza e la sua cupola neogotica, una chicca unica nel suo genere.

Un tesoro si conserva nella Biblioteca Civica nel Polo Museale di Montenovo, dove circa 4000 libri di Filosofia, Matematica, Diritto Canonico, Civile, Retorica Grammatica, Medicina, Teologia, Poesia, Storia Sacra e Libri proibiti, rendono preziosa questa raccolta francescana.

CORINALDO è la prossima tappa preziosa di questo itinerario. Non si tratta solo di visitare uno dei Borghi più belli d’Italia e Bandiera Arancione, ma un gioiello medievale con pregevoli edifici alcuni noti anche grazie alla Santa Maria Goretti, qui nativa ed al pittore Claudio Rodolfi. Le Marche sono importanti anche per i suoi Teatri antichi e qui si può ammirare uno scrigno dell’Ottocento perfettamente ristrutturato. Questo borgo meravigliosamente conservato, nel periodo di Ognissanti accende i riflettori con la famosa “Festa di Halloween” in cui tutto il centro si trasforma facendo vivere al visitatore momenti emozionanti.

Da non perdere i sapori della tradizione con gli insaccati di Frattula e le Pecorelle (dolce tipico), ma anche la porchetta e l’olio extravergine di oliva, prodotti tipici in molte aree marchigiane, ma in questa zona sono degni di nota.

Un salto nel Rinascimento vi attende a MONDAVIO con la sua Rocca Roveresca ed il suo museo, i quali ci riportano alla vita di corte tra dame e cavalieri. Anche il borgo, racchiuso tra le mura castellane, ha il suo fascino ed offre un magnifico panorama da una terrazza.

Continuiamo per BARCHI, un borgo progettato nel Cinquecento, denso di miti e leggende. Girovagare per questo borgo significa viaggiare tra storia reale e fantasia popolare, divenuta parte della vita cittadina, anche attraverso le manifestazioni dedicate ad esempio alla “Madonna del presepe”. Ammirare invece le campagne circostanti sarete attirati dai cangianti colori dei terreni coltivati a cereali alternati alla vite che rende colori diversi a seconda della stagione, ma anche il giallo del girasole, al viola dell’erba medica. Insomma, una molteplicità di colori della natura per emozionarvi.

L’itinerario prosegue nelle Terre Roveresche con uno degli angoli nascosti delle Marche, ORCIANO DI PESARO, il borgo rinomato in passato per la fiorente attività dei cordai e per la produzione della canapa, con cui i marinai fanesi producevano e lavoravano le reti per i loro pescherecci. Questa tradizione fondamentale per il paese è viva nel museo della corda e degli antichi mestieri. Da non perdere anche il parco del Castagno secolare del 1700 particolare perché alimentato da una sorgente sotterranea. L’atmosfera particolarmente piacevole di Orciano era molto gradita anche dalla famiglia Della Rovere che la scelsero come meta estiva.

A questo punto del programma una pausa di relax per incontrare degli autentici agricoltori che ci riportano ai ritmi della terra e alle “sapienze antiche” di chi produce vino, olio, pasta e miele. Sarà un piacere conoscere queste persone autentiche che vi mostreranno il ciclo produttivo del cibo genuino.

Passando per il piccolo borgo ben preservato di CERASA, ricco di suggestivi vicoli, vi consigliamo di fare una tappa alla Grotta di San Paterniano dove sembra che rifugiassero i cristiani durante il periodo delle persecuzioni, ma il reale utilizzo della grotta è un mistero, visto che molte sono le teorie.

Questa giornata intensa giunge al termine per un po’ di relax.

Riguardo i pasti, a seconda della zona in cui vorrete mangiare, sapremo consigliarvi al meglio.

 

Domenica 17 ottobre

La mattinata sarà dedicata ad un percorso accompagnato ecologico-culturale d’eccezione, vicinissimo al mare e paradiso per molteplici specie animali. Un bell’esempio di campagna marchigiana, ricco di storia e di monumenti presenti nei borghi medievali di S. Costanzo e La Stacciola oltre che a Mondolfo che verranno visitati nei punti salienti.

SAN COSTANZO in passato ha rappresentato un punto nevralgico per il controllo e la difesa del territorio di fanesi e della sua fascia costiera grazie alla posizione strategica del suo antico ‘castello’, come anche quella dei castelli minori di Stacciola e Cerasa a pochi chilometri. A fine luglio si tiene un evento unico per poter gustare e conoscere la polenta tradizionale di questo borgo (manifestazione sospesa per la situazione covid).

LA STACCIOLA è un borgo dalla storia antica, immerso nel verde e situato in un punto strategico soprattutto in epoca romana. Anche questa è una meta culinaria, famosa per la “crescia” per cui si organizza ogni anno una sagra.

A breve distanza ci attende MONDOLFO, un incantevole borgo in splendida posizione panoramica tra il mare e le colline dell’entroterra marchigiano racchiuso nelle possenti mura di cinta. Molti i monumenti da ammirare girovagando per il centro storico fino a raggiungere il Belvedere del Castello ed il bastione di Sant’Anna con il suo giardino all’italiana e limonaia, da dove ammirare tutte le terre circostanti.

Degno di nota il Santuario della Madonna delle Grotte, da dove si snoda un piacevole itinerario di alcuni chilometri nella Valle dei Tufi, in cui è possibile passeggiare a stretto contatto con la natura, ammirare  le formazioni marine risalenti ad un periodo tra i 5 ed i 2 milioni di anni fa, le “grotte”, gli animali selvatici quale il raro “Gruccione”, un uccello nord africano dal colorito piumaggio.

Lungo il percorso, si potranno scovare le conchiglie e reperti marini incastonati nel tufo, a testimonianza della presenza del mare in antichità, ma anche i “rifugi” dei gruccioni e altre curiosità. Interessanti anche le due storiche fonti idriche, attualmente non potabili: la fonte piccola di Stacciola e la fonte grande a Mondolfo, dove sono ancora presenti i caratteristici lavatoi originari del 1526.

Lungo questo percorso sempre immersi nella quiete della campagna e della natura s’incontra anche il lago “la Grottaccia”.

Al termine, una curatissima area attrezzata, vi darà l’opportunità di godere di momenti di relax a contatto con la natura.

PARTECIPANTI:

  • 4 adulti minimo (bambini fino a 12 anni gratis) per il percorso accompagnato naturalistico della domenica mattina
  • 10 adulti minimo per la visita guidata di Senigallia il venerdì

 

Gruppi maggiori su richiesta per restrizioni COVID

 

PRENOTAZIONE: almeno 2 giorni prima

 

QUOTA su RICHIESTA in base al programma scelto

 

POSSIBILITA’ di richiedere anche la sistemazione in strutture ricettive preferite (B&B, agriturismo, hotels, ecc.) 

 

PROMOZIONE RISERVATA A VISITATORI DALLE ALTRE REGIONI:

Alcune bottiglie degustate durante la serata in omaggio.

 

Difficoltà della camminata: Turistica

DISABILI: attività non adeguata per la presenza di gradini e terreno sconnesso

DOG FRIENDLY: Attività consentita con animali

 

Nota bene:

È necessario lo spostamento con mezzi propri

Possibilità di tour in minivan su richiesta

 

Per informazioni e prenotazioni: 


ENJOY MARCHE ITALY di GREENWICH VIAGGI TURISMO

DESTINATION MANAGER Stefania Stefanelli mob. 3389629330

www.enjoymarcheitaly.cominfo@enjoymarcheitaly.com

Richiedi offerta

Iniziativa realizzata con il contributo della Regione Marche. Coordinamento della comunicazione a cura del Servizio Politiche Agroalimentari. In collaborazione con FIVI (Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti).